18 aprile 2008

UN PINOLO PER AMICO




Irresistibili frutti dal sapore delicato che in cucina fanno la differenza!
La loro delicatezza li rende apprezzabili in ogni tipo di pietanza e quando vengono tostati emanano una fragranza unica nel suo genere

INFORMAZIONI TECNICHE:

frutto del pino Cembro o del pino domestico (altrimenti detto pino da pinoli, appunto) è un seme commestibile che si sviluppa all’interno delle pigne che devono maturare per 3 anni prima di poter essere colte in inverno. Le pigne cariche di pregiati frutti dovranno aspettare di essere essiccate al sole durante i primi caldi estivi, in questo modo le “squame” libereranno i pinoli che una volta privati della loro copertura esterna (carpello) saranno pronti per essere gustati.
Il loro costo poco contenuto è anche dovuto dal fatto che per ottenere 1 solo kilo di pinoli ne occorrano ben 30 di pigne.

CENNI STORICI:

già nel periodo Paleolitico pare che i pinoli venissero comunemente consumati ed apprezzati.
Ma restando in epoche più recenti pare che il nome di Pinocchio (sì, proprio quello di Collodi -1881) prenda origine proprio da questo piccolo semino.

PROPRIETA’ BENEFICHE, CONSERVAZIONE E UTILIZZO:

Altamente calorici (600 kcal per 100 grammi) sono una vera miniera di proteine, grassi, calcio e vitamina A.
Acquistati in negozi specializzati (per avere quelli di alta qualità ed italiani) consiglio di conservarli in un barattolo di vetro chiusi ermeticamente e mantenuti in dispensa al riparo dalle fonti di calore; in questo modo preserveranno tutto il loro delicato aroma anche per mesi.
Utilizzati specialmente per le preparazioni dolciarie, io li trovo favolosi in ogni contesto: per arricchire insalate, primi (vedi penne con panna, prosciutto e pinoli ), secondi e magari accostati a erbe aromatiche fresche e delicate.
Per esaltarne tutte le fragranze e per far sì che sprigionino tutti i loro pregiati oli essenziali, consiglio di tostarli per qualche istante in un padellino con un filo d’olio ben caldo... sentirete che delizia!

4 commenti:

VANESSA ha detto...

dai....le pigne devono maturare per 3 anni prima di poter essere colte e poi aspettare l'estate per rebacchiare i pinoli!!! mamma mia ne sai una + del diavolo! w le schede informative di nadia ;-)

Mammazan ha detto...

Cara Nadia
Ho scorso velocemete il tuo blog che trovo interessante, e non solo per le ricerche, ma anche per gli approfondimenti, e.... molto elegante.
Ma lo sai che abito a 50 km da Torino?
Ciao
Grazia

NADIA ha detto...

@ Vanessa: credo che saperne di più sugli ingredienti che utilizziamo ci aiuti ad apprezzarli di più (w vanessa che legge le mie schede!) :)
@ mammazan: grazie per i bellissimi complimenti, spero che tu abbia trovato delle informazioni utili; ma davvero abiti così vicino? Magari, un giorno, ci si incontrerà..

brii ha detto...

ciao nadia..
ne abbiamo 3 piantati in giardino..certo che quando li abbiamo piantati non pensavamo che crescesserò così...
poche pigne...ma uso i rami per le decorazioni natalizie.

sono bellissimi!!
bacioniii

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001